Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Mercoledì 27 Marzo 2019 - Prima Squadra news 2018/19

La Seap Aragona intensifica gli allenamenti, al palasport Pippo Nicosia di Agrigento, in vista dell’insidiosa trasferta di sabato prossimo, 30 marzo, a Pedara contro il Planet Strano Light, formazione che con gli attuali 25 punti in classifica ha raggiunto con largo anticipo la permanenza in serie B2. Il derby siciliano, valido per la 22esima giornata del girone I, si disputerà al Palasport comunale di Pedara, alle ore 16:30.

Le biancazzurre di coach Paolo Collavini sono sempre al secondo posto in classifica con 51 punti a tre lunghezze di distacco dalla capolista Santa Teresa di Riva, che sabato sarà di scena a Giarre contro la terza della classe, in piena lotta per centrare l’ultimo posto disponibile per partecipare ai play off.

Il prossimo turno, dunque, potrebbe essere decisivo per la promozione diretta in serie B1. La Seap Aragona dovrà necessariamente battere il Pedara e sperare in un passo falso della capolista. La formazione aragonese continua ad allenarsi con grande determinazione per arrivare al top della forma alla sfida di sabato. Tutte disponibili in casa Seap Aragona, tranne la schiacciatrice Jaqueline Do Nascimento e la palleggiatrice Martina Baruffi che, a causa di infortuni differenti, svolgono un lavoro differenziato.

La Seap Aragona partirà alla volta di Pedara, in provincia di Catania, sabato mattina. Poi pranzo e breve ritiro in un hotel di Nicolosi per tenere alta la concentrazione a poche ore dalla sfida contro il sestetto allenato da Francesco Andaloro. Il Planet Strano Light Pedara dispone di un buon organico.

La palleggiatrice titolare è Fabiana Perticone, nel ruolo di opposto gioca Ottavia Boffi, le prime centrali sono Martina Rapisarda e Daniela Polito, i martelli ricevitori sono Carmen Bellapianta e Sara Bachini. Il primo libero è Giuditta Bonaccorso. La gara Planet Strano Light Pedara – Seap Aragona sarà diretta dal primo arbitro Martina Rossino di Modica e dal secondo arbitro Luca Cardaci di Messina.